Come funzionano motori di ricerca
Come funzionano i motori di ricerca

Quando cerchi qualcosa online, i motori di ricerca passano al vaglio tutte le pagine del web, le classificano e le dispongono in ordine logico. Capire come funziona questo processo può essere utile per la tua attività.

  • come fanno i motori di ricerca a trovare le pagine web
  • cosa ci fanno dopo averle trovate
  • come decidono cosa mostrare sulle pagine dei risultati di ricerca

 

– Google Digital Garage


In questo articolo parleremo di come funzionano i motori di ricerca. Spiegheremo, in parole semplici, come fanno i motori di ricerca a trovare le pagine web, cosa ci fanno dopo averle trovate e come decidono quali risultati mostrare.

 

Come fanno i motori di ricerca a trovare le pagine web

Quando usi un motore di ricerca per trovare il bar più vicino, di sicuro non pensi alla tecnologia che c’è dietro. Ma poi potresti chiederti: come funziona? Come fa a passare in rassegna tutta la Rete così velocemente e a scegliere i risultati che vediamo sulla pagina?

Ogni motore di ricerca usa i propri software, ma il modo in cui funzionano è abbastanza simile. Si può schematizzare in tre passaggi:

  1. primo, analizzano i contenuti che hanno trovato e che sono autorizzati a vedere (quest’operazione si chiama crawling);
  2. secondo, classificano ciascuno contenuto (con l’indicizzazione);
  3. terzo, decidono quali contenuti sono più utili per gli utenti (questo processo si chiama invece ranking o posizionamento).

Vediamo più nel dettaglio come funzionano questi passaggi.

 

Crawling: la scansione di Internet per scoprire i contenuti

I motori di ricerca eseguono una “scansione” (“crawling”) di Internet per scoprire contenuti, come pagine web, immagini e video. Ogni motore di ricerca usa dei programmi, chiamati “bot” (abbreviazione di “robot”), “crawler” o “spider”, per orientarsi fra le pagine.

I bot saltano da una pagina all’altra seguendo link. I bot non si fermano mai: il loro unico scopo è visitare e rivisitare pagine per controllare se ci sono nuovi link e contenuti da aggiungere nell’indice.

 

Indicizzazione dei contenuti

L’indicizzazione è la seconda fase del processo. L’indice è un enorme elenco di tutti i contenuti e le pagine web trovati dai bot. Il motore di ricerca usa quest’indice come fonte delle informazioni visualizzate nelle pagine dei risultati di ricerca.

Ma non tutto quello che i bot trovano finisce nell’indice del motore di ricerca.

Per esempio, i motori di ricerca potrebbe trovare più copie di un identico contenuto su diversi siti web.

Com’è possibile? Mettiamo che, invece di un bar, stai cercando una macchina per il caffè. Noterai che la migliore, la CoffeeKing2000, ha la stessa identica descrizione su tutti i siti web dei principali rivenditori. Forse la descrizione è stata fornita dal produttore stesso… ma adesso il motore di ricerca deve prendere una decisione: quale versione inserire nell’indice? Non c’è bisogno di centinaia di duplicati, quindi è improbabile che venga aggiunta ogni singola pagina.

Perciò, se hai un sito web che vende macchine per il caffè, faresti meglio a scrivere una tua descrizione della CoffeeKing2000.

 

Il Ranking e la modalità segreta in cui i motori di ricerca ordinano le pagine

Ci siamo occupati di crawling e indicizzazione, adesso non ci resta che il ranking. Quando fai una ricerca, il motore confronta le parole e le frasi che usi con l’indice, cercando i risultati corrispondenti. Mettiamo che, per esempio, il motore di ricerca abbia trovato 230 milioni di risultati corrispondenti. Adesso è il momento dell’ultima parte del processo: il ranking.

Il modo in cui i motori di ricerca ordinano le pagine è top secret: è il loro “ingrediente segreto”. Ci sono centinaia di criteri con cui i motori di ricerca determinano il ranking, fra cui le parole presenti sulla pagina, il numero di altri siti web che si collegano ad essa e l’originalità dei contenuti.

Ma non importa quale formula utilizzino, l’obiettivo è sempre lo stesso: connettere l’utente con ciò che sta cercando.

Mettiamo che tu abbia voglia di un caffè “brasiliano” ma non sai dove lo preparano in zona. Se cerchi “caffè brasiliano nelle vicinanze”, il motore di ricerca ti mostrerà i bar della zona che lo servono, perché la ricerca indicava la tua posizione. Potrebbe anche visualizzare una mappa per aiutarti a individuarli.


Riassumendo

Quindi, cosa abbiamo imparato? I motori di ricerca passano continuamente al setaccio il web in cerca di contenuti, li organizzano e poi visualizzano i risultati più pertinenti per gli utenti. Comprendere questo processo ti aiuterà a ottimizzare il tuo sito web.


This post has been taken from the video lessons freely available on Google Digital Garage. Digital Garage by Google offers a range of Digital Skills tutorials, is a free service that helps you increase your knowledge of all things digital, from websites and tracking to online marketing and beyond. You can find a range of subjects, designed to help you grow your digital knowledge from Social Media to Search Engines.


 

Hai in mente un progetto per far crescere la tua attività e ti serve aiuto per poterlo realizzare?

In KAUKY.COM siamo una squadra di specialisti del web.
Progettiamo e sviluppiamo soluzioni digitali “creative” e “result-oriented”.
Lavoriamo con impegno e professionalità al fianco dei nostri clienti, per contribuire al successo dei loro progetti.

 

Contattaci per maggiori informazioni

Commenti

Scrivi il primo commento

Il tuo feedback