Indice dei contenuti
    eCommerce Consigli Seo e UX

    eCommerce: consigli SEO e UX

    Un canale efficace per attirare traffico interessato sul tuo sito ed incrementare la tua attuale base clienti è la SEO.

    Una buona ottimizzazione per i motori di ricerca renderà il tuo eCommerce più facile da interpretare per i motori di ricerca e più visibile quando una persona effettua una ricerca online.

    Ottenere risultati concreti richiede però un approccio metodico, fatto di costanza e perseveranza.

    I fattori che incidono lato SEO sono molteplici, vediamone alcuni.


    SEO on-page

    Conosciuto anche come SEO on-site, la SEO on-page è il processo di ottimizzazione di diverse parti del sito di eCommerce.

    Si tratta di interventi volti a migliorare diverse component che possono influire sul posizionamento nei motori di ricerca.

    Il posizionamento del tuo sito sui motori di ricerca dipende da molteplici fattori.

    Questi includono:

    • la qualità, il valore e la coerenza del contenuto;
    • la visualizzazione su dispositivi mobile;
    • la velocità di caricamento della pagina e la semplicità di navigazione;
    • l’autorità del dominio;
    • la sicurezza del sito.

    Stanno assumendo importanza sempre crescente anche l’usabilità del sito e l’esperienza utente sul sito (misurate con metriche di comportamento quali n. pagine/sessione, bounce rate, CTR), fino alla capacità del sito di coinvolgere attivamente l’utente nell’esperienza di navigazione.

    Tutti fattori su è possibile lavorare per migliorare il posizionamento.


    Core Web Vitals

    Il 28 Maggio 2020 Google ha introdotto i cosiddetti Core Web Vitals, ossia fattori di ranking che assumeranno un valore crescente nel 2021. Si tratta di 3 parametri specifici:

    • Loading (LCP – Largest Contentful Paint): cioè il tempo di caricamento del contenuto principale della pagina che deve avvenire entro i 2,5 secondi
    • Interactivity (FIT – First Input Delay): cioè il tempo entro cui la pagina diventa interattiva. Scorrimento e zoom non sono considerati come eventi di interazione.
    • Visual Stability (CLS – Cumulative Layout Shift): ossia il fatto che, una volta caricata la pagina, non ci siano spostamenti del contenuto che potrebbero ostacolare od inficiare l’azione dell’utente

    Sicurezza del sito Web

    Sebbene i parametri considerati dai motori di ricerca per il posizionamento di un sito Web siano sconosciuti nel dettaglio, è noto che i motori di ricerca considerano la sicurezza del sito Web come un fattore critico nel posizionamento.

    Con l’aumento degli attacchi hacker e delle truffe digitali, la sicurezza è diventata un elemento fondamentale per qualsiasi attività commerciale online. Questi siti infatti richiedono agli utenti di inserire i propri dati personali, i dettagli della propria carta di credito, etc.

    Poiché i motori di ricerca attribuiscono grande importanza all’esperienza utente, la sicurezza del sito web è fondamentale. I motori di ricerca devono garantire un’esperienza di navigazione sicura per i visitatori e non possono mettere a repentaglio la sicurezza degli utenti consentendo loro di visitare siti Web non protetti dal rischio di virus e malware.

    Per garantire la massima sicurezza, devono essere installati i certificati SSL.

    Quando un utente visita un sito Web protetto da SSL, il certificato SSL del sito consente di crittografare i dati inviati dall’utente, come ad esempio informazioni sulla carta di credito, nomi o indirizzi, e li rende inaccessibili per gli hacker.

    I certificati SSL assicurano inoltre che le informazioni sul visitatore vengano trasferite solo al sito protetto e non altrove.


    SEO off-page

    A livello di SEO on-page, abbiamo parlato dei fattori su cui si ha controllo diretto con il proprio eCommerce.

    La SEO off-page si riferisce invece a fattori di ranking esterni al sito web, come i backlink che si ottengono da altri siti e può includere anche le strategie di promozione, come le attività di marketing sui social media.


    SEO e UX checklist per eCommerce

    Ecco una lista di attività da fare per migliorare la SEO e l’usabilità del tuo eCommerce.

    1. Prodotti sponsorizzati

    Metti in evidenza sulla home del sito i prodotti più richiesti o per cui sono in corso offerte speciali.


    2. Marchio ben riconoscibile

    Consigliamo di rendere ben visibile il tuo brand sulla home del sito ed in tutte le pagine. Questo faciliterà la riconoscibilità e la fiducia da parte dell’utente.


    3. Attenzione alla pagina prodotto

    Assicurati sempre che la pagina prodotto soddisfi le aspettative e le esigenze dei visitatori.

    Ci sono alcuni aspetti da tenere in considerazione nel momento in cui si popola la pagina dedicata ad un prodotto. Oltre a contenuti multimediali di alta qualità, capaci di soddisfare l’esigenza visiva dell’utente, consigliamo di prestare attenzione alla descrizione del prodotto stesso.

    Ecco alcuni suggerimenti:


    CHIAREZZA

    Suggeriamo di implementare le schede prodotto con una descrizione che metta in evidenza, in modo chiaro, i punti di forza del prodotto

    Consigliamo di sottolineare più volte all’interno della pagina i punti di forza e benefici del prodotto, così che per il potenziale cliente sia chiaro ed evidente il beneficio del prodotto che sta acquistando


    URGENZA e SCARSITÀ

    Consigliamo di trasmettere il senso dell’urgenza di acquisto tramite la comunicazione della scarsità del prodotto indicando quanti prodotti sono ancora disponibili, quando la quantità è inferiore a 3.

    Ad esempio «Ultima occasione. Solo 2 prodotti rimasti»


    SOCIAL PROOF

    Consigliamo di prevedere una sezione dedicata a testimonianze, opinioni, commenti endorsment sul prodotto rilasciati dagli utenti che aiutano il potenziale cliente a convincersi dell’acquisto.

    In una situazione di indecisione ed incertezza come quella in cui l’utente si trova al momento dell’acquisto, gli utenti tendono a ritenere validi e ad omologarsi ai comportamenti tenuti da un elevato numero di persone.

    UCG – User Generated Content: i contenuti generati dagli utenti, come ad esempio le foto dei clienti che utilizzano il prodotto, le recensioni, le testimonianze sia in all’interno vostro sito che su altre piattaforme, sono fondamentali per le vendite.

    Possibilità di condividere sui social il fatto di aver effettuato l’acquisto è un’ottima riprova sociale.


    MULTICANALITÀ

    Per incrementare le conversioni suggeriamo di implementare le schede prodotto fornendo all’utente diverse modalità e canali con cui arrivare alla conversione

    Ad esempio indicare nella scheda prodotto la possibilità di acquistare online e ritirare in negozio


    4. Sezione About us

    Sempre più spesso, prima di acquistare, il cliente vuole informarsi sull’azienda da cui sta per comprare. Vuole conoscerne la storia, ciò che la motiva, quali sono i valori aziendali e gli elementi distintivi.

    Una pagina dedicata a fornire queste informazioni all’utente è molto importante.


    5. Opzione di ricerca

    Per tutti gli eCommerce che offrono all’utente più di 20 prodotti, suggeriamo l’introduzione di un campo di ricerca interna al sito.

    L’utente deve avere la possibilità di effettuare ricerche libere per parola chiave anche all’interno dell’eCommerce stesso. In questo modo verrà facilitato nella ricerca del prodotto di interesse. Il processo di ricerca risulterà più veloce e semplificato.


    6. Carrello della spesa

    Il ruolo del “carrello della spesa” nell’eCommerce è fondamentale.

    L’icona parlante del carrello deve essere sempre ben visibile per l’utente. Raggiungibile velocemente da qualsiasi pagina. Preferibilmente integrata nel menù di navigazione.

    Il pulsante di aggiunta al carrello deve essere in evidenza su ogni singola scheda prodotto.

    Il feedback di aggiunta al carrello è un altro elemento importante nell’eCommerce ux design, deve essere chiaro e visibile per dare all’utente conferma immediata che l’aggiunta al carrello sia avvenuta correttamente.


    7. Mail marketing

    L’email marketing è uno strumento efficace, ma troppo spesso viene sottovalutato.

    Una persona che si iscrive volutamente alla Newsletter e conferma il desiderio di ricevere mail è sicuramente interessata a ricevere aggiornamenti sulle ultime offerte o su nuovi prodotti disponibili. Quindi, la possibilità di conversione è molto alta.

    Ad esempio all’utente potrebbe essere utile ricevere settimanalmente o mensilmente una mail che mostra le offerte le promozioni in corso o i nuovi prodotti.

    I più recenti strumenti di mail marketing consentono di segmentare le liste di utenti e raggrupparle per interessi, così da poter inviare alla singola persona email davvero personalizzate e coerenti con ciò che le interessa.

    Inoltre, nel caso dell’eCommerce le mail automatizzate rivestono un’importanza fondamentale.

    • Email transazionali;
    • mail automatizzate per eCommerce di cross-selling e up-selling;
    • mail di carrello abbandonato;
    • mail di customer feedback;
    • mail di benvenuto;
    • mail di aggiornamento dati;
    • mail di anniversario o auguri di compleanno;
    • mail di riattivazione o di ringraziamento

    sono indispensabili per accompagnare e facilitare il customer’s journey durante l’esperienza che farà del tuo brand.


    8. Categorie prodotto

    Suddividere i prodotti in categorie intuitive per l’utente è molto importante.

    Questa organizzazione in categorie strutturate, facilita i visitatori nel raggiungere i diversi gruppi di prodotti il ​​più rapidamente possibile e semplifica il processo di acquisto.

    L’introduzione di filtri (ad esempio per fascia di età, per macrocategoria di prodotto, per taglia, per brand, etc.) costituisce una funzionalità davvero utile per il visitatore.


    9. Meta Descrizione

    È indispensabile evitare che Google o altri motori di ricerca, utilizzino contenuto testuale non pertinente o errato nei risultati di ricerca.

    Proprio per questo la meta description ha una grande utilità nella promozione dei prodotti.

    Si consiglia sempre di inserire una Meta Description accattivante ed univoca per ogni scheda prodotto, capace di attirare l’attenzione del potenziale acquirente e mettere in luce i punti di forza del prodotto/servizio offerto.


    10. Immagini del prodotto

    Soprattutto in caso di acquisto online, la scelta del prodotto è fortemente influenzata dall’immagine che l’utente vede.

    Pertanto è fondamentale utilizzare immagini del prodotto di alta qualità. Mostrarlo da diverse angolazioni, includere scatti del prodotto solo e mentre viene utilizzato.

    Per creare ancora maggior impatto è utile pubblicare video in cui il prodotto viene presentato e ne vengono spiegate le caratteristiche e punti di forza.


    11. Recensioni dei prodotti

    Le recensioni di altri utenti svolgono un ruolo fondamentale nella creazione di fiducia verso il brand e nell’aumento delle vendite complessive.

    I consumatori si fidano delle informazioni ottenute dalle recensioni online. Attribuiscono a queste quasi lo stesso valore di una raccomandazione personale.

    Il sito eCommerce deve contenere commenti e recensioni reali in ​​modo che gli utenti possano farsi un’idea dei pregi ed eventuali difetti di un prodotto e scegliere di acquistare in modo consapevole.

    Gli User Generated Content (UCG) o Contenuti Generati dagli Utenti, sono un ottimo modo per ottenere riprove sociali sul proprio brand, prodotto o servizio. Sei tuoi potenziali clienti vedono che altre persone acquistano spesso e sono soddisfatte, saranno più invogliati nell’effettuare l’acquisto.

    I contenuti generati dagli utenti possono assumere molte forme. Anche le recensioni dei prodotti sono di natura UGC. Un esempio di UGC efficace che potresti utilizzare sono immagini o video dei tuoi clienti che utilizzano i tuoi prodotti.


    12. Sii chiaro sui prezzi

    Le strategie di prezzo applicate al prodotto possono variare in base alla strategia commerciale che si è scelto di applicare.

    In generale consigliamo però di non nascondere mai i costi associati all’acquisto di un prodotto. Il rischio è che il cliente si senta truffato e decida di abbandonare l’ordine o di annullare l’ordine in una fase successiva.

    Se possibile suggeriamo di esplicitare subito anche le spese di spedizione o di implementare strategie di spedizione gratuita in certi periodi e/o per ordini che superano una certa soglia di spesa.


    Paola Rovati

    Sii il primo a lasciare un commento.

    I tuoi commenti