Indice dei contenuti
    SEO_eCommerce

    Come aumentare le vendite del tuo eCommerce con la SEO

    In che modo la SEO migliora le vendite online per le attività di e-commerce? La Search Engine Optimization (SEO) consente di aumentare il traffico al sito di commercio elettronico da risultati di ricerca organici.

    Questo tipo di traffico è generalmente di alta qualità: presenta tassi di frequenza di rimbalzo (bounce rate) bassi, tempi di permanenza sul sito e numero di pagine visitate superiori alla media degli altri canali. Tutti indicatori di un reale interesse e coinvolgimento da parte dell’utente.

    La SEO consiste in un insieme di regole e best practice che devono essere seguite per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Secondo una ricerca, i siti web elencati nella prima pagina di Google ricevono quasi il 95% dei clic.

    L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) però, oltre a non essere una scienza esatta, è anche un lavoro fatto di analisi accurate, correzione degli errori ed ottimizzazione continua.

    Ottenere un posizionamento solido e autorevole agli occhi dei motori di ricerca richiede tempo e impegno.

    Oltre ad una prima fase di definizione della strategia e ad una continua analisi dei risultati e revisione, bisogna tener conto dei tempi tecnici di indicizzazione e posizionamento da parte di Google e dei motori di ricerca in generale.

    L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) garantisce che l’eCommerce ed i suoi contenuti siano strutturati in modo tale da risultare visibili ai Googlebots e ad altri programmi di indicizzazione.

    Ciò include l’impiego di elementi come metadati, titoli, parole chiave e tag ALT dell’immagine.

    Quando una persona digita una chiave di ricerca su Google, le pagine vengono selezionate dall’indice in base alla loro corrispondenza con la specifica query.

    Non esiste una formula esatta per posizionare un sito web per la prima posizione di una ricerca su Google.

    Tuttavia, ci sono alcuni fattori che sembrano avere un ruolo chiave nel processo di indicizzazione.


    Strategie SEO per la crescita delle attività di eCommerce

    Come abbiamo visto, la SEO è un canale efficace per attirare traffico interessato sul tuo sito ed incrementare la base clienti. Una buona ottimizzazione per i motori di ricerca renderà il tuo eCommerce più facile da interpretare per i motori di ricerca e più visibile quando una persona effettua una ricerca online.

    Ottenere risultati concreti richiede però un approccio metodico, fatto di costanza e perseveranza.

    I fattori che incidono lato SEO sono molteplici, vediamone alcuni.


    SEO on-page

    Conosciuto anche come SEO on-site, la SEO on-page è il processo di ottimizzazione di diverse parti del sito di eCommerce. Si tratta di interventi volti a migliorare diverse component che possono influire sul posizionamento nei motori di ricerca.

    Il posizionamento del tuo sito sui motori di ricerca dipende da molteplici fattori.

    Questi includono:

    • la qualità, il valore e la coerenza del contenuto
    • la visualizzazione su dispositivi mobile
    • la velocità di caricamento della pagina e la semplicità di navigazione
    • l’autorità del dominio
    • la sicurezza del sito

    Stanno assumendo importanza sempre crescente anche l’usabilità del sito e l’esperienza utente sul sito durante il percorso di acquisto (misurate con metriche di comportamento quali n. pagine/sessione, bounce rate, CTR), fino alla capacità del sito di coinvolgere attivamente l’utente nell’esperienza di navigazione.

    Tutti fattori su è possibile lavorare per migliorare il posizionamento.


    Sicurezza del sito di eCommerce

    Sebbene i parametri considerati dai motori di ricerca per il posizionamento di un sito di eCommerce siano sconosciuti nel dettaglio, è noto che i motori di ricerca considerano la sicurezza del sito Web come un fattore critico nel posizionamento.

    Con l’aumento degli attacchi hacker e delle truffe digitali, la sicurezza è diventata un elemento fondamentale per qualsiasi attività commerciale online. Questi siti infatti richiedono agli utenti di inserire i propri dati personali, i dettagli della propria carta di credito, etc.

    Poiché i motori di ricerca attribuiscono grande importanza all’esperienza utente, la sicurezza del negozio online è fondamentale. I motori di ricerca devono garantire un’esperienza di navigazione sicura per i visitatori e non possono mettere a repentaglio la sicurezza degli utenti consentendo loro di visitare siti Web non protetti dal rischio di virus e malware.

    Per garantire la massima sicurezza, devono essere installati i certificati SSL.

    Quando un utente visita un eCommerce protetto da SSL, il certificato SSL del sito consente di crittografare i dati inviati dall’utente, come ad esempio informazioni sulla carta di credito, nomi o indirizzi, e li rende inaccessibili per gli hacker.

    I certificati SSL assicurano inoltre che le informazioni sul visitatore vengano trasferite solo al sito protetto e non altrove.


    Ottimizzazione per la Ricerca Vocale

    La Voice Search è una tecnologia di riconoscimento vocale che consente agli utenti di cercare qualcosa utilizzando la propria voce tramite un assistente digitale.

    Quando parliamo di Ottimizzazione della Ricerca Vocale, ci riferiamo all’ottimizzazione dei contenuti, delle frasi, e delle parole chiave per allinearle il più possibile con le query di ricerca che verranno probabilmente utilizzate dalle persone quando effettuano ricerche per mezzo degli assistenti vocali.

    Perché è importante?

    La ricerca vocale sta acquisendo un’importanza crescente. Secondo le statistiche, a partire dal 2020, il numero di assistenti vocali in uso ha raggiunto i 4,08 miliardi. Entro il 2023, il numero dovrebbe raggiungere gli 8 miliardi. (Rif. Statista.com)

    Man mano che la tecnologia si evolve e gli assistenti vocali diventano più intelligenti e precisi, i consumatori tendono ad utilizzarli sempre di più per trovare informazioni e risparmiare tempo prezioso.

    Ecco perché è indispensabile tener conto dell’ottimizzazione per la ricerca vocale quando si tratta di costruire una strategia di marketing efficace.


    Prestare attenzione alla leggibilità dei contenuti

    I motori di ricerca tendono a privilegiare i contenuti ben scritti che meglio corrispondono alla query di ricerca dell’utente. Per questo è necessario comprendere l’intento di ricerca e studiare anticipatamente lo stile che le persone utilizzeranno durante la ricerca vocale.

    Poiché la ricerca vocale è molto più colloquiale rispetto alle ricerche tradizionali, è opportuno rivedere i contenuti in quest’ottica. L’obiettivo dovrebbe essere quello di includere domande e risposte succinte per migliorare la struttura dei contenuti e renderla più adatto alla ricerca vocale.

    Lo studio di Backlinko afferma che Google preferisce risposte brevi e concise alle query di ricerca vocale e il tipico risultato della ricerca vocale è di sole 29 parole. Lo studio di ricerca vocale di SEMrush per l’Assistente Google ha rilevato che “La lunghezza del testo delle risposte restituite era quasi la stessa per ogni dispositivo (circa 41 parole in media)”.

    Queste sono informazioni preziose su come i nostri contenuti dovrebbero essere strutturati per classificarsi meglio per i risultati di ricerca vocale.

    • L’utilizzo di un linguaggio colloquiale è sicuramente una caratteristica distintiva delle query di ricerca vocale.
    • L’utilizzo degli elenchi puntati per suddividere il contenuto in piccoli frammenti è un’altra best practice per la ricerca vocale e aiuta a migliorare il posizionamento.
    • Includere una sezione dedicata alle domande frequenti (FAQ) consente a Google di estrarre facilmente i contenuti dal sito web e visualizzarli come rich snippet il che agevola il posizionamento nella ricerca vocale.
    • Per fornire la migliore esperienza utente, Google privilegia le risposte più esaurienti alle domande, le cosiddette Rich Answer, quindi basate su Knowledge Graph, Knowledge Panel, Knowledge Box, Featured Snippet.

    Focalizzarsi su parole chiave a coda lunga

    Quando si tratta di parole chiave, distinguiamo tra parole chiave a coda corta e a coda lunga.

    Le parole chiave a coda corta di solito sono composte da una o due parole, sono piuttosto generiche e hanno molta concorrenza.

    Le parole chiave a coda lunga o long-tail keywords sono invece più specifiche, descrittive e hanno un tasso di conversione più elevato.

    Le parole chiave utilizzate nella ricerca vocale sono generalmente più lunghe e conversazionali.

    Quando “conversiamo” con un dispositivo intelligente e facciamo domande, generalmente poniamo l’intera domanda invece di utilizzare solo un paio di parole chiave.

    Per ottimizzare i contenuti per la ricerca vocale dovremo quindi:

    • utilizzare parole chiave a coda lunga
    • includere incipit tipici delle domande quali “come, cosa, quando, perché, dove?”
    • utilizzare parole “di riempimento” (come il, del, sul, per, etc.) tipiche del linguaggio colloquiale umano

    Dati strutturati

    I dati strutturati sono un sistema di associazione di un nome con un valore che aiuta i motori di ricerca a classificare e indicizzare i tuoi contenuti.

    I dati strutturati attribuiscono un contesto al contenuto del sito di eCommerce utilizzando il “vocabolario” dei motori di ricerca.

    Queste regole sono definite in modo standardizzato su Schema.org.

    Se implementati correttamente, i dati strutturati aumentano le possibilità che i motori di ricerca come Google mostrino informazioni aggiuntive sui contenuti del sito web direttamente nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (note anche come SERP) tramite “rich snippet“.

    I dati strutturati possono essere utilizzati per fornire ulteriori informazioni e contrassegnare differenti tipologie di articoli e prodotti.

    Ogni tipo di informazione ha delle specifiche proprietà che possono essere utilizzate per descrivere gli elementi in modo più dettagliato.

    Ad esempio, un “libro”, che rientra nella categoria “lavoro creativo”, può avere le proprietà “nome” (titolo), “autore”, “illustratore”, “isbn” e altre, a seconda di quanto si desideri utilizzare per descriverlo.

    L’elenco completo degli elementi che si possono contrassegnare con i dati strutturati è disponibile su schema.org


    SEO off-page

    A livello di SEO on-page, abbiamo parlato dei fattori su cui si ha controllo diretto con il proprio eCommerce. La SEO off-page si riferisce invece a fattori di ranking esterni al sito web, come i backlink che si ottengono da altri siti e può includere anche le strategie di promozione, come le attività di marketing sui social media.


    Tendenze SEO per l’eCommerce 2021

    Il 28 Maggio 2020 Google ha introdotto i cosiddetti Core Web Vitals, ossia fattori di ranking che assumeranno un valore crescente nel 2021. Si tratta di 3 parametri specifici:

    • Loading (LCP – Largest Contentful Paint): cioè il tempo di caricamento del contenuto principale della pagina che deve avvenire entro i 2,5 secondi
    • Interactivity (FIT – First Input Delay): cioè il tempo entro cui la pagina diventa interattiva. Scorrimento e zoom non sono considerati come eventi di interazione.
    • Visual Stability (CLS – Cumulative Layout Shift): ossia il fatto che, una volta caricata la pagina, non ci siano spostamenti del contenuto che potrebbero ostacolare od inficiare l’azione dell’utente

    Già nel 2018, con lo Speed Update, Google ha annunciato che la velocità di caricamento della pagina web sarebbe stata un fattore di ranking per tutte le ricerche da dispositivo mobile.

    Ad oggi è evidente che migliorare la velocità di caricamento del proprio sito di eCommerce, oltre ad offrire un’esperienza utente più soddisfacente, consente anche di essere percepiti positivamente e privilegiati dai motori di ricerca.

    La velocità di caricamento della pagina può inoltre influire sia sulla frequenza di rimbalzo che sul tasso di conversione.

    Google Page Speed ​​Insights e PingDom sono buoni strumenti per testare la velocità del sito web.


    Perché le aziende di eCommerce hanno bisogno di SEO?

    La ricerca è parte integrante di un processo decisionale poiché l’89% dei consumatori utilizza i motori di ricerca per cercare informazioni su prodotti e servizi che intende acquistare.

    Se il tuo eCommerce non è visibile, il rischio è quello di perdere opportunità di vendita e finire per essere dimenticati anche dai clienti già acquisiti.


    Vantaggi della SEO per la crescita del business dell’eCommerce

    La Search Engine Optimization (SEO) consente di aumentare il traffico al sito di commercio elettronico da risultati di ricerca organici.

    Attraverso la creazione di contenuti utili e rilevanti è possibile attrarre l’attenzione dell’audience di riferimento e convertirli, prima in acquirenti e poi in clienti fidelizzati e promotori del brand o del prodotto proposto.

    La pubblicazione costante di articoli interessanti ed utili sul blog, post coinvolgenti sui social media, consente di condividere contenuti informativi e di approfondimento di valore per gli utenti che hanno necessità di soddisfare un bisogno e sono alla ricerca del prodotto/servizio adatto a loro.

    Questo tipo di traffico è generalmente di alta qualità: presenta tassi di frequenza di rimbalzo (bounce rate) bassi, tempi di permanenza sul sito e numero di pagine visitate superiori alla media degli altri canali. Tutti indicatori di un reale interesse e coinvolgimento da parte dell’utente.


    Importanza della Social Proof per la crescita dell’eCommerce

    Le recensioni di altri utenti svolgono un ruolo fondamentale nella creazione di fiducia verso il brand e nell’aumento delle vendite complessive.

    I consumatori si fidano delle informazioni ottenute dalle recensioni online. Attribuiscono a queste quasi lo stesso valore di una raccomandazione personale.

    Il sito eCommerce deve contenere commenti e recensioni reali in ​​modo che gli utenti possano farsi un’idea dei pregi ed eventuali difetti di un prodotto e scegliere di acquistare in modo consapevole.

    SOCIAL PROOF

    Consigliamo di prevedere una sezione dedicata a testimonianze, opinioni, commenti endorsment sul prodotto rilasciati dagli utenti che aiutano il potenziale cliente a convincersi dell’acquisto.

    In una situazione di indecisione ed incertezza come quella in cui l’utente si trova al momento dell’acquisto, gli utenti tendono a ritenere validi e ad omologarsi ai comportamenti tenuti da un elevato numero di persone.

    UCG – User Generated Content: i contenuti generati dagli utenti, come ad esempio le foto dei clienti che utilizzano il prodotto, le recensioni, le testimonianze sia in all’interno vostro sito che su altre piattaforme, sono fondamentali per le vendite.

    Possibilità di condividere sui social il fatto di aver effettuato l’acquisto è un’ottima riprova sociale.


    Paola Rovati

    Sii il primo a lasciare un commento.

    I tuoi commenti